Titolo: Pianeta senza scampo (The longest way home).
Scrittore: Robert Silverberg.
Genere: fantascienza.
Editore: Mondadori.
Anno: 2002.
Voto: 7.
Dove lo trovi: qui.



Pianeta senza scampo di Robert Silverberg è un buon romanzo.


Tanto per cominciare, l'idea di partenza è interessante, con un giovane nobile che, in vacanza presso dei lontani parenti, assiste a una rivolta popolare in un pianeta colonizzato nel futuro dai discendenti dei terrestri.

Le peripezie del giovane sono tante, così come gli spunti proposti dallo scrittore, tra fughe, catture, altre culture e altre razze.

Silverberg sa narrare bene, e infatti l'attenzione del lettore rimane alta, nonostante un'improbabile suddivisione logistica del testo (su 250 pagine, una sola interruzione, con il resto del libro a rappresentare un narrato ininterrotto... una scelta di impaginazione davvero incredibile da quanto è scomoda per il lettore, e meno male che il libro si legge volentieri!).

Buono anche lo spunto educativo-didattico legato all'idea della dicotomia tra Padroni e Popolo, che in sintesi si risolve, nello stesso personaggio principale, nel quesito "chi ci da il diritto di comandare?".

A posteriori sembra anzi che questo abbia costituito il principale elemento del testo.

In conclusione, Pianeta senza scampo di Robert Silverberg è certamente un buon romanzo di fantascienza, con una certa predilezione per l'elemento sociale, ma che saprà soddisfare anche gli amanti dell'azione.

Fosco Del Nero


Per rimanere aggiornato con le recensioni di Libri e Romanzi, iscriviti al feed!

Argomenti